Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Vaccinazioni senza prenotazione, boom stranieri a Prato. Lunghe attese e proteste

Logo La Nazione La Nazione 30/08/2021 FRANCESCO BOCCHINI
© SE Poligrafici(wc)|ATTALMI|577928f9b83f81446a67137f71694648

Prato, 30 agosto 2021 - I due centri vaccinali pratesi sono stati letteralmente presi d'assalto nella prima giornata dedicata alle vaccinazioni con accesso libero. La curiosità è che in fila si sono visti sostanzialmente solo stranieri, soprattutto di origine cinese, ma anche alcuni pakistani e marocchini. Gli italiani? Pochissimi: fra il Pegaso 2 e il Pellegrinaio Novo si è arrivati a malapena a contarne cinque. Il boom di presenze (circa 250 nella sola mattinata presso la struttura di via Galcianese, almeno 150 in quella di piazza Ospedale) ha fatto sì che le dosi a disposizione venissero esaurite in fretta. "Ne avevamo previste attorno alle 200 per ogni hub, ma se il trend si conferma questo non basteranno a coprire tutte le richieste. Vedremo se arriverà una fornitura maggiore dalla Regione per i prossimi giorni", le parole fuori dal Pegaso 2 di Lorena Paganelli, direttrice della Società della Salute dell'area pratese. 


Video: Obbligo vaccinale, Meloni: "Governo l'ha introdotto di fatto senza assumersi responsabilità rischi" (Agenzia Vista)

SUCCESSIVO
SUCCESSIVO

In via Galcianese i primi interessati a vaccinarsi senza prenotazione si sono presentati addirittura alle 3 del mattino e alle 7 la coda era già consistente. Stesso discorso più o meno al Pellegrinaio Novo. Gli attimi di tensione fra i presenti non sono mancati: nel mirino i lunghi tempi di attesa e il rischio di assembramenti. Assembramenti che all'ex Creaf hanno coinvolto anche coloro che avevano la prenotazione per la prima o la seconda dose. Fra questi anche un lettore de La Nazione, che ha voluto raccontare la sua esperienza. "Mi sono trovato ad attendere a lungo per la registrazione, ma sono arrabbiato soprattutto per la scarsa organizzazione all'interno della struttura. Una volta dentro sembrava di essere a scuola, quando si faceva il gioco delle sedie: scalando di posto, tutti assembrati, in attesa del proprio turno - dice - E questo in più di una stanza prima di arrivare all'agognato vaccino". 

Nel frattempo, l'iniziativa andrà avanti fino al 30 settembre. A disposizione ci sono dosi sia Pfizer che Moderna: il che significa che anche agli over 60 potranno evitare Astrazeneca. L’accesso libero per le vaccinazioni di prime dosi senza appuntamento può avvenire dalle 9 alle 20 e sarà sufficiente mettersi in fila e pazientare fino al proprio turno. E' consigliato di presentarsi agli hub con i moduli del consenso informato già stampati e compilati per velocizzare le operazioni ed evitare affollamenti.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Nazione

image beaconimage beaconimage beacon