Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Covid, esperti indipendenti dell'Oms: "La pandemia poteva essere evitata"

Logo Tgcom24 Tgcom24 12/05/2021 Redazione Tgcom24
Covid, esperti indipendenti dell'Oms: "La pandemia poteva essere evitata" © TgCom24 Covid, esperti indipendenti dell'Oms: "La pandemia poteva essere evitata"

Un vero e proprio "cocktail tossico" di negazione, scelte sbagliate e mancanza di coordinamento ha fatto precipitare il mondo in una pandemia che "avrebbe potuto essere evitata". Lo sostiene in un rapporto pubblicato un gruppo di esperti indipendenti istituito dal direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

"Troppi ritardi nell'affrontare la pandemia" - Secondo gli esperti, quasi tutti i Paesi nel mondo rinviarono gli interventi per vedere in che misura il virus si sarebbe diffuso. Fu così che le misure anti-contagio arrivarono troppo tardi per fermare le catastrofiche conseguenze. Il gruppo punta il dito anche contro la mancanza di una leadership globale che coordinasse il governo mondiale della pandemia, che avrebbe potuto mettere in campo leggi sanitarie internazionali restrittive: tale situazione ha infatti ostacolato la risposta dell'Oms alla pandemia.

"Errori da parte della Cina, ma anche dell'Oms" - "Ci sono stati ritardi evidenti in Cina, ma ci sono stati ritardi ovunque". E' questa la conclusione dell'ex primo ministro neozelandese Helen Clark, co-presidente del gruppo di esperti indipendenti istituito per esaminare le misure adottate dall'agenzia e dagli Stati contro il Covid. Sulle responsabilità dell'Organizzazione mondiale della sanità "è passato troppo tempo", osservano gli esperti, tra la notifica di un focolaio di polmonite sconosciuta a metà dicembre 2019 e la dichiarazione, il 30 gennaio, dell'emergenza sanitaria. Ma anche intervenendo una settimana prima, le cose difficilmente sarebbero cambiate di fronte "all'inazione di così tanti Paesi". 

LEGGI ANCHE > Covid, l'Oms critica la Cina e chiede un'altra inchiesta sull'ipotesi di fuga del virus dal laboratorio

"Febbraio è stato un mese perduto" - Composto da 13 esperti, il gruppo ha passato gli ultimi otto mesi a esaminare la diffusione della pandemia e le misure adottate dall'agenzia sanitaria e dagli Stati per affrontarla.  Secondo il rapporto, febbraio 2020 è stato un "mese perduto" durante il quale molti Paesi avrebbero potuto prendere iniziative per fermare la diffusione del virus. In definitiva "ritardi, esitazioni e smentite" hanno fatto fiorire l'epidemia, poi la pandemia, dicono gli esperti. E raccomandando che i governi e la comunità internazionale adottino senza indugio una serie di riforme tese a trasformare il sistema globale di preparazione, allerta e risposta alle pandemie. 

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da TGCOM24

image beaconimage beaconimage beacon