Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Il presidente iraniano afferma che «ci sono alcuni segni che l’Olocausto ha avuto luogo» e chiede «un’indagine».

Logo News 360 News 360 19/09/2022 Roberto De Luca
Il presidente iraniano Ebrahim Raisi - -/Iranian Presidency/dpa © Fornito da News 360 Il presidente iraniano Ebrahim Raisi - -/Iranian Presidency/dpa

Il Presidente iraniano Ebrahim Raisi ha affermato che "ci sono alcuni segni che indicano che l'Olocausto ha avuto luogo", ma ha chiesto che le indagini siano condotte da "ricercatori e storici".

"Gli eventi storici dovrebbero essere indagati da ricercatori e storici. Ci sono alcuni indizi che indicano che è avvenuto, quindi si dovrebbe permettere di indagare", ha detto in un'intervista alla rete televisiva statunitense CBS.

In risposta, il primo ministro israeliano Yair Lapid ha pubblicato sul suo account Twitter diverse fotografie dell'Olocausto con la didascalia "alcuni segni".

Il presidente dello Yad Vashem, Dani Dayan, ha sottolineato che le parole di Raisi "sono inverosimili, deliranti, pericolose e condannabili", come riportato dal quotidiano israeliano "Haaretz".

"Slogan antisemiti come questo non dovrebbero essere pronunciati e, se vengono pronunciati, dovrebbero essere accolti da un muro di fatti e testimonianze da parte di persone morali di tutte le parti, in modo da non permettere la negazione o la distorsione della storia", ha affermato.

Raisi ha rifiutato di pronunciarsi sul diritto all'esistenza di Israele e ha sottolineato che "il popolo palestinese è la realtà". "È un diritto del popolo palestinese che è stato costretto a lasciare le proprie case e la propria patria. Gli Stati Uniti sostengono questo falso regime in modo che possa attecchire e stabilirsi lì", ha affermato.

Si è inoltre espresso contro la decisione di Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrein, Marocco e Sudan di stabilire legami diplomatici con Israele, affermando che "se stringono la mano al regime sionista, sono complici dei suoi crimini". "Pugnalano alle spalle l'idea della Palestina", ha criticato.

D'altra parte, ha affermato che per rilanciare lo storico accordo nucleare del 2015 è necessario raggiungere "un buon accordo che sia equo". "Deve essere duraturo. Devono esserci delle garanzie. Se ci saranno garanzie, gli americani non si ritireranno dall'accordo", ha dichiarato.

"Gli americani non hanno mantenuto le loro promesse. Lo hanno fatto unilateralmente", ha criticato, riferendosi alla decisione di Washington di lasciare l'accordo nel 2018. "Il fatto che ora facciano promesse non ha senso", ha detto, prima di sottolineare che Teheran "non può fidarsi degli americani a causa del loro comportamento".

Il Presidente iraniano ha inoltre ribadito che il programma nucleare è destinato esclusivamente a scopi pacifici, "come la medicina, l'agricoltura, il petrolio e il gas", sottolineando che "l'Iran ha detto molte volte che il possesso di armi nucleari non ha posto nella dottrina nazionale".

"Queste affermazioni sono infondate", ha dichiarato Raisi, che si è detto aperto a negoziare uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti. "Può essere fatto separatamente dai colloqui sul nucleare. Si può fare tra i due Paesi. È una questione umanitaria. Si può negoziare", ha detto.

Ha dichiarato di "non pensare" di incontrare il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. "Non credo che avere un incontro o una conversazione con lui sarebbe vantaggioso", ha sottolineato.

"La nuova amministrazione (di Biden) negli Stati Uniti dice di essere diversa da quella dell'(ex presidente Donald) Trump. Ce lo hanno detto nei loro messaggi, ma non abbiamo visto alcun cambiamento nella realtà", ha spiegato il presidente iraniano, che ha definito le sanzioni contro il Paese "tiranniche".

Raisi ha anche detto che l'Iran "non dimenticherà" la morte del generale Qasem Soleimani in un bombardamento statunitense all'aeroporto della capitale irachena, Baghdad, e ha affermato che si tratta di "un crimine efferato" ordinato "direttamente" da Trump.

"Vogliamo che sia fatta giustizia", ha dichiarato Raisi, che ha escluso che Teheran risponda con degli assassinii. "Questo è il tipo di azioni che i regimi statunitense e sionista compiono nel mondo. Non intraprenderemo le stesse azioni", ha dichiarato.

Scegli tu!
Scegli tu!

Más de News 360

image beaconimage beaconimage beacon