Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Pentagono, stop al progetto cloud: lo scontro Amazon-Microsoft e la lite su Jedi

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 11/05/2021 Redazione Economia

Il Dipartimento della Difesa sta pensando di chiudere il progetto Jedi (Joint Enterprise Defense Infrastructure) per il cloud computing, assegnato a Microsoft, di fronte alla possibilità che possa restare fermo a lungo dopo la causa intentata da Amazon, ma anche di fronte le critiche da parte di molti rappresentanti del Congresso all’assegnazione del progetto a un’unica azienda. Viene infatti ritenuto preferibile, per una serie di motivi, che progetti così ambiziosi vengano assegnati a più società, e le critiche verrebbero rinnovate nel caso di un’assegnazione ad Amazon.

Il contratto da 10 miliardi di dollari in 10 anni per la creazione di un sistema unico di servizi e gestione dei dati del Pentagono sul cloud, è stato assegnato due anni fa a Microsoft nel 2019, contro le previsioni degli esperti. Amazon ha subito fatto causa, affermando che il processo decisionale è stato contaminato da un’evidente «influenza politica»: l’allora presidente Donald Trump avrebbe fatto «pressioni inappropriate» per fare in modo che Amazon non ottenesse il contratto, con l’obiettivo di «danneggiare quello che percepiva come un nemico politico», ovvero Jeff Bezos, proprietario di Amazon e del Washington Post, giornale contro cui si è più volte scagliato Trump.


Video: Digital transformation, cloud e security (Il Sole 24 Ore)

A portare all’esame la possibilità di un cancellamento dell’intero progetto è stata però la decisione, il mese scorso, da parte di un giudice federale, di respingere la richiesta del Pentagono di rigettare la maggior parte delle pretese di Amazon, che punta a ottenere il contratto. Una scelta che di fatto darebbe ragione alle istanze del gruppo di Bezos e che quindi aprirebbe il braccio di ferro legale. Pochi giorni dopo, la vicesegretaria alla Difesa, Kathleen Hicks, ha detto che il dipartimento rivaluterà il progetto «per determinare la strada migliore da seguire». Un rapporto del Pentagono al Congresso ha inoltre spiegato il rischio che la causa di Amazon possa prolungare significativamente i tempi per la realizzazione del programma. A questo si aggiungono i problemi con il Congresso: diversi parlamentari, oltre a esperti di contratti assegnati dal governo, credono che il contratto dovrebbe essere annullato per avviare un nuovo processo con cui assegnare il progetto a diverse societa’ e non a un’unica. Nel caso in cui il Pentagono decidesse di accantonare il contratto Jedi, il governo potrebbe cercare di creare un nuovo programma cloud espandendo i diversi contratti di Information-technology già assegnati.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon