Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Muore per infarto, laurea honoris causa a Mariasofia

Logo La Repubblica La Repubblica 13/07/2022 di Mariella Parmendola
© Fornito da La Repubblica

Una laurea honoris causa ricevuta a tre mesi dalla sua morte. Era entusiasta del lavoro svolto. Soddisfatta aveva consegnato al professore la sua tesi sperimentale risultato di un nuovo esperimento scientifico. Mariasofia Paparo non ha provato la gioia di discuterla davanti alla commissione di laurea. Il suo cuore si è fermato 17 giorni prima della data che aveva aspettato per anni. È stata la mamma, accompagnata dalla sorella, a ricevere la laurea honoris causa che l'Università Parthenope ha deciso di conferire alla nuotatrice di San Giorgio a Cremano stroncata da un infarto, a 27 anni, l'undici aprile scorso. 

La cerimonia, lunedì mattina, nell'aula Magna dell'Università napoletana. La commissione ha conferito alla studentessa scomparsa prematuramente la laurea magistrale in Scienze e tecnologie della navigazione. A ricevere la pergamena ambita da tutti i laureandi la madre, Giuseppina Principe, con lei la sorella Mariapia, le zie e alcuni colleghi del suo team di nuoto "Speedo Italia". Il suo relatore, il professore Ugo Falchi, ha deciso anche di pubblicare la tesi, lasciando così agli studenti universitari del dipartimento un lavoro importante, pronto a diventare un punto di riferimento per approfondimenti e studi di settore. 

A raccontare la storia di Mariasofia è il sindaco di San Giorgio, Giorgio Zinno, la città dove la giovane atleta voleva continuare a vivere anche dopo il matrimonio fissato per oggi quando Mariasofia non sapeva ancora che i suoi progetti non si sarebbero realizzati. Spiega il primo cittadino: "La sorella, con la quale ci siamo conosciuti in questi triste momento, mi aveva segnalato l’evento perché  vi fosse una presenza dell'amministrazione e abbiamo voluto partecipare a questo momento importantissimo per la famiglia di Mariasofia, attraverso la presenza del Presidente del Consiglio comunale, Michele Carbone, in segno di vicinanza e condivisione di un riconoscimento per cui la nostra concittadina aveva lavorato tanto e a cui teneva particolarmente".

E anche il comune di San Giorgio ricorderà la giovane, che avrebbe dovuto sposarsi oggi 13 luglio. Nella sua parrocchia di Sant'Antonio da Padova si terrà una veglia alle 20.30 di questa sera. Continua il sindaco: "Sarà forse un altro giorno difficile per la famiglia e per chi le voleva bene, ma il ricordo, l'impegno e il sorriso della nuotatrice e studentessa sangiorgese resterà indelebile ed esemplare per tutti".

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon