Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Hyundai Kite, a Ginevra la dune buggy elettrica “trasformista”

Logo La Repubblica La Repubblica 08/03/2018

Il salone dell’auto di Ginevra ha fatto da palcoscenico all’anteprima mondiale di Hyundai Kite, concept innovativa nata dalla collaborazione fra il Centro stile europeo della casa coreana  e l’Istituto europeo di design torinese.

Il prototipo è una avveniristica dune buggy a due posti, che all’occorrenza si trasforma in una moto d’acqua monoposto. Alla realizzazione di questo originale veicolo, presentato in scala 1:1, hanno fornito il loro apporto gli studenti del master in Transportation Design dello IED di Torino che hanno lavorato a stretto contatto con con il Design centre di Hyundai Europa.

Hyundai Kite, a Ginevra la dune buggy elettrica “trasformista” © Fornito da La Repubblica Hyundai Kite, a Ginevra la dune buggy elettrica “trasformista”

Con questo nuovo prototipo Hyundai, per la seconda volta, è partner del celebre istituto di design, e dà seguito alla precedente collaborazione che nel 2014 aveva portato allo sviluppo di PassoCorto, concept sportiva ultra-leggera sempre in scala 1:1.

La casa coreana, grazie proprio a partnership come questa, intende contribuire alla formazione di giovani designer, raccogliendo intuizioni e traendo ispirazione dal lavoro svolto insieme a studenti di talento.

“In Hyundai lavoriamo costantemente sull’evoluzione del design, che nel tempo è divenuto il principale driver di crescita in Europa, sia per il brand sia per i volumi – ha dichiarato Thomas Bürkle, chief designer dello Hyundai European Design Center – Allo stesso modo, investiamo anche nel futuro del design dell’auto, attraverso iniziative come questa: essere nuovamente partner di IED significa contribuire alla formazione di quelli che saranno i designer del futuro. Hyundai Kite è un progetto che ci rende molto orgogliosi, risultato di una partnership eccezionale, che ha l’obiettivo specifico di trasmettere valori di design senza tempo attraverso una formula e un’architettura distintiva”.

D’altronde il design si è rivelato fondamentale per Hyundai nel conquistare i clienti del Vecchio Continente poiché il 90% dei modelli venduti su scala europea sono infatti progettati, testati e prodotti in Europa.

Anche sul fronte dell’economia europea, il marchio coreano contribuisce con 205.000 persone il cui posto di lavoro è legato alla presenza del brand. Tra le oltre duecentomila persone c’è anche Marco Gianotti, giovane ex studente dello IED di Torino, autore dei primi bozzetti di PassoCorto che oggi ricopre la posizione di exterior designer presso il Centro stile europeo di Hyundai.

Passando al prototipo Hyundai Kite esposto nelle stand ginevrino, il pubblico si trava davanti un veicolo senza portiere, finestrini e tetto che può muoversi sia su strada, sia in acqua.

Il veicolo è dotato di un telaio monoscocca (lunghezza 3.745 mm, larghezza 2.235 mm e altezza 1.455 mm) con superfici che si intrecciano, creando un “continuum” generato da torsioni e intersezioni.

Secondo la casa, i progettisti hanno puntato a ridurre le barriere tra l’esterno e l’interno, con lo scopo di sviluppare un’auto funzionale e divertente da guidare e già linee trasmettono un’idea di galleggiamento e libertà, legandosi all’idea di trascorrere il tempo libero vicino all’acqua.

Da segnalare poi che sia tra le dune, sia in mare, Kite si avvale di alimentazione elettrica fornita da quattro propulsori brushless nelle ruote e un sistema a turbina jet per la propulsionein acqua. Inoltre Hyundai Kite contempla un’interazione uomo-macchina di tipo intuitivo, consentendo di controllare le funzioni della vettura attraverso lo smartphone. (m.r.)

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon