Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

L’India blocca TikTok e altre 58 app cinesi: una minaccia alla sicurezza del Paese

Logo Business Insider Italia Business Insider Italia 01/07/2020 Emanuele Orlando
Il logo TikTok viene visualizzato su uno smartphone. Reuters © Fornito da Business Insider Italia Il logo TikTok viene visualizzato su uno smartphone. Reuters  

L’India lunedì ha bloccato dozzine di app cinesi, tra cui la popolare app video virale TikTok, al fine di “garantire la sicurezza e la sovranità del cyberspazio indiano”.

In totale, il ministero dell’Elettronica e dell’Information Technology ha elencato 59 app per dispositivi mobili che, a suo avviso, rappresentavano una minaccia alla sicurezza.

“Alla luce delle informazioni disponibili, sono usate per attività che pregiudicano la sovranità e l’integrità dell’India, la difesa dell’India, la sicurezza dello stato e l’ordine pubblico”, afferma la nota.

Il ministero ha affermato di aver ricevuto “molte lamentele” sulle app mobili disponibili su piattaforme iOS e Android che sono state accusate di “rubare e trasmettere di nascosto i dati degli utenti in modo non autorizzato a server che hanno sedi al di fuori dell’India”.

“La raccolta di questi dati, il loro mining (o estrazione) e la profilazione di elementi ostili alla sicurezza nazionale e alla difesa dell’India … è una questione di profonda e immediata preoccupazione che richiede misure di emergenza”, ha detto il ministero.

Tra le società elencate c’è TikTok, che è di proprietà della società cinese ByteDance che è stata sottoposta a controllo negli ultimi mesi a causa di segnalazioni di legami con il Partito comunista cinese e accuse di censura sulla sua piattaforma. All’inizio di quest’anno, diverse agenzie governative statunitensi hanno vietato  TikTok perché preoccupate della sicurezza informatica.

TikTok è una delle app telefoniche più scaricate al mondo ed è già entrata in oltre 150 mercati globali, con l’India tra le sue regioni più attive. Secondo l’ Economic Times, l’app afferma di avere 200 milioni di utenti in India, con circa 120 milioni di utenti attivi mensili.

Tra le altre importanti app cinesi vietate dal Ministero dell’elettronica e dell’informatica dell’India ci sono WeChat, Weibo e QQ, un servizio di messaggistica istantanea di proprietà del colosso cinese di Internet Tencent.

In una dichiarazione di martedì mattina, ora locale, Nikhil Gandhi, capo di TikTok India, ha dichiarato che la società era “in procinto di mettere in atto” il divieto dell’India.

“Siamo stati invitati a incontrare le parti interessate del governo per avere l’opportunità di rispondere e fornire chiarimenti”, ha detto Gandhi. “TikTok continua a rispettare tutti i requisiti di privacy e sicurezza dei dati ai sensi della legge indiana e non ha condiviso alcuna informazione dei nostri utenti in India con alcun governo straniero, nemmeno col governo cinese.”

“Inoltre, se ci venisse richiesto in futuro, non lo faremmo”, ha aggiunto Gandhi.

La mossa segue importanti scontri tra India e Cina all’inizio di questo mese lungo un confine controverso condiviso tra i due paesi. Durante la situazione di stallo nella valle del fiume Galwan sono stati uccisi almeno 20 soldati indiani.

Le foto satellitari rilasciate lunedì hanno mostrato un assembramento di truppe lungo entrambi i lati del confine.

Leggi l’articolo originale su Business Insider

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Business Insider Italia

Business Insider Italia
Business Insider Italia
image beaconimage beaconimage beacon