Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Governo, taglio di due miliardi per evitare la procedura di infrazione Ue

Logo Tgcom24 Tgcom24 20/06/2019 Redazione Tgcom24
© articolo

Il governo italiano ha inviato la sua lettera di risposta ai 27 Stati membri dell'Unione europea, al presidente della Commissione Jean-Claude Juncker e al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Così al termine del Consiglio dei ministri. L'Italia vuole rassicurare Bruxelles sui conti pubblici: giù il deficit. In quest'ottica l'esecutivo ha annunciato un taglio da due miliardi di spesa pubblica per evitare la procedura di infrazione.

Non ci sono divisioni, il governo è compatto e vuole evitare la procedura di infrazione. Il mantra sull'unità dell'esecutivo è stato ripetuto dal premier Giuseppe Conte per tre volte in un giorno: la mattina alla Camera, a pranzo al Quirinale, al pomeriggio al Senato. Prima di partire per il Consiglio europeo, il presidente del Consiglio vorrebbe l'ok dell'esecutivo alla legge di assestamento di bilancio.

Conte: "Dialogo aperto e costruttivo" - "L'Italia, in quanto Paese fondatore della casa comune europea, avverte la piena responsabilità di coltivare un dialogo aperto e costruttivo con la commissione Ue", si legge in un passaggio della lettera. "Lo ha dimostrato anche nel dicembre 2018, allorché un intenso negoziato ha consentito di chiarire i dettagli della nostra Manovra", recita ancora la missiva.

"Fase costituente per nuovi modelli economici" - In un altro passaggio della lettera, Conte ha sottolineato: "Ritengo nostro dovere aprire adesso, senza ulteriore indugio, una fase costituente per ridisegnare le regole di governo delle nostre società e delle nostre economie riconsiderando modelli di sviluppo e crescita che si sono rivelati inadeguati di fronte alle sfide poste da società impoverite, attraversate da sfiducia, rancore e delusione".

La questione dell'assestamento - Il premier, d'intesa con il ministro dell'Economia Giovanni Tria, vuole dimostrare che sono "le nostre stime ad avere il sopravvento rispetto ad altre, che non corrispondono ai reali flussi di cassa". In effetti l'assestamento, che verrebbe anticipato rispetto alla normale approvazione a fine giugno, potrebbe essere una carta importante da usare nel negoziato con Bruxelles. Il vicepremier Matteo Salvini non commenta immediatamente l'idea di Conte, ma si dice sicuro che "l'Ue permetterà all'Italia di crescere e di correre: governi complici, governi ignoranti, governi fessi non ce ne sono più".

Resta comunque incerto se Conte potrà allegare alla lettera il ddl con il timbro di Palazzo Chigi. Il sospetto del Carroccio è che, a forza di impegni a contenere le spese, si voglia rinviare la rivoluzione fiscale della Flat tax. Sollecitato dai cronisti a Palazzo Madama, lo stesso Conte precisa: "Inizieremo la discussione dell'assestamento di bilancio, se non riusciremo a completare ci aggiorneremo".

Dl Crescita e Autonomia - In Cdm si è inoltre raggiunto "un accordo positivo" sul decreto Crescita che, secondo fonti della Lega, tornerà ora in commissione per alcune modifiche meramente tecniche. Il tutto, però, "solo dopo che ci sarà una discussione sulla riforma in un tavolo ad hoc, che servirà a sciogliere tutti i nodi". Le stesse fonti riferiscono poi che "la prossima settimana" il testo sulle Autonomie approderà in Consiglio dei ministri e sottolineano "l'impegno a tutelare i 15mila lavoratori dell'Ilva".

Stralcio dell'emendamento sui fondi - Fonti del M5s hanno invece dichiarato che sarà stralciato l'emendamento sul trasferimento dei Fondi di Sviluppo e Coesione dal ministero del Sud al dl crescita, al centro dello scontro odierno tra gli alleati di governo.

Passa la riforma del Mibac - Il Cdm ha dato l'ok anche la riforma del ministero dei Beni culturali. Il testo della nuova organizzazione prevede, tra le altre cose, la soppressione dell'autonomia per tre musei nazionali: si tratta del Museo nazionale etrusco di villa Giulia a Roma, del Parco archeologico dell'Appia antica e delle Gallerie dell'Accademia a Firenze. Salvo invece il museo del Castello di Miramare a Trieste.

Ok al ddl Cantieri e Ambiente - Il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame definitivo, un disegno di legge che introduce disposizioni per il potenziamento e la velocizzazione degli interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico e la salvaguardia del territorio. Il testo attribuisce ai presidenti delle Regioni designati quali commissari contro il dissesto idrogeologico il compito di predisporre un programma d'azione triennale per la mitigazione del rischio e per la salvaguardia del territorio.

Il Consiglio dei ministri, su proposta della ministra della Difesa Elisabetta Trenta, ha infine nominato l'ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone nuovo capo di Stato maggiore della Marina.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da TGCOM24

image beaconimage beaconimage beacon