Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Reddito di cittadinanza, ecco i lavori che si possono rifiutare

Logo Quotidiano.Net Quotidiano.Net 6 giorni fa CLAUDIA MARIN
© SE Poligrafici(wc)|ANSA|6963576347cb05ebdb871aebd4ad4d26

Roma, 12 maggio 2019 - Dai contratti a termine a quelli stagionali, dai part-time alle formule del lavoro a chiamata, fino al più strutturato contratto di apprendistato: è ampio il ventaglio di opportunità lavorative possibili che i titolari del reddito di cittadinanza potranno rifiutare senza perdere il sussidio. 

LEGGI ANCHE: Intesa sulle assunzioni dei navigator 

E questo o perché si tratta di soluzioni che non configurano la cosiddetta offerta "congrua" (rapporto a tempo pieno e indeterminato) o perché le retribuzioni ottenibili sono al di sotto della soglia minima di 852 euro mensili, prevista come tetto al di sotto del quale è permesso respingere un’occasione di impiego. Un limite che, secondo le stime del Sole 24 Ore, riguarda, però, oltre 4 milioni e 200 mila lavoratori che oggi guadagnano meno di quella cifra. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Reddito di cittadinanza pervenute alle Poste 141mila domande 

Non a caso il leader della Fim-Cisl, Marco Bentivogli, ha più volte insistito: "Allora, con questo criterio, i ragazzi che lavorano a part-time a 700 euro mensili sono dei fessi per i grillini. Ma lo sanno o no che da quando si è cominciato a parlare di reddito di cittadinanza almeno 25mila persone, principalmente giovani, hanno cominciato a non cercare più un lavoro". 

"In audizione al Parlamento – ha puntualizzato a sua volta Pierangelo Albini, responsabile lavoro di Confindustria – abbiamo sottolineato le nostre perplessità. Alle imprese viene chiesto di pagare di più i lavoratori, ma ci si scorda che, per effetto del cuneo fiscale e contributivo, il netto in busta paga è solo la punta dell’iceberg". 

E così, secondo il Sole, ci sono sul mercato molteplici offerte occupazionali che, con il reddito di cittadinanza, potrebbero diventare "rifiutabili".

È il caso degli stagionali: in agricoltura, per 180 giornate annue al minimo contrattuale si arriva a 505,05 euro al mese. Anche molte offerte a orario ridotto sono inferiori agli 858 euro: un part-time al 50% con il contratto alimentari-industria, di 5° livello, percepisce 807,41 euro per 20 ore settimanali; un commesso di negozio (sempre in part-time al 50%, 4°livello) arriva a 808,34 euro. Un parrucchiere, al suo primo anno di apprendistato, ha una retribuzione pari a circa 828 euro al mese per 40 ore settimanali. 

Rischi di rifiuti anche per le imprese di pulizia e dei servizi integrati, dove si calcola un 70% di part-time su circa 500mila lavoratori: pulitori, addetti mensa, portinai e manutentori potrebbero essere spinti a uscire, anziché entrare, dal mercato del lavoro. Per non parlare del lavoro domestico.

Sul fronte dei navigator, i tutor che dovranno accompagnare i disoccupati verso un impiego, si è sbloccata la partita tra governo e regioni, con il dimezzamento delle assunzioni che da seimila scendono a tremila. Un’intesa con un’avvertenza: "Non sono professioni sovrapponibili – spiega, infatti, la coordinatrice degli assessori regionali al lavoro, Cristina Grieco, a proposito dei navigator e dei lavoratori nei centri per l’impiego –. Faranno assistenza tecnica. Sono collaboratori precari, difficile dire che saranno stabilizzati. Si faranno un’esperienza e poi faranno il concorso". 

ALTRO SU MSN:

Quelli che dicono: "No grazie" (Mediaset)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Quotidiano.net

image beaconimage beaconimage beacon