Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Creati topi con una supervista, vedono anche al buio

Logo La Repubblica La Repubblica 10/03/2019
© Fornito da La Repubblica

SONO STATI creati topi di laboratorio con una 'super vista', in grado di vedere anche al buio perché possono captare gli infrarossi, raggi invisibili all'occhio umano e degli animali in generale. Il risultato, ottenuto iniettando negli occhi degli animali speciali nanoparticelle, si deve a Tian Xue e Jin Bao dell'Università di Scienza e Tecnologia in Cina insieme con Gang Han della University of Massachusetts Medical School a Boston.

LEGGI ANCHE: Alberto Angela torna con le sue "Meraviglie" 

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Cell e potrebbe essere foriero di applicazioni in campo sia civile (per la sicurezza e la crittografia), sia militare e medico. L'uomo può vedere solamente una frazione delle 'onde elettromagnetiche' presenti nello spazio: questa frazione è lo spettro del visibile e si configura come i colori dell'arcobaleno. Oltre quei colori ci sono altre onde invisibili, tra cui gli infrarossi che sono ad esempio i raggi emanati da un corpo che emette calore.

LEGGI I capolavori di Monet 'ingannano'il cervello, svelati i trucchi

Gli scienziati hanno iniettato negli occhi di topi delle nanoparticelle che si attaccano alle cellule retiniche e vanno a potenziarne la vista. Le nanoparticelle captano gli infrarossi e li traducono in luce visibile (di colore verde) che va sulla retina degli animali, cosicché i topi riescono a vedere gli infrarossi. Gli scienziati hanno eseguito una batteria di test 'mostrando' infrarossi ai topi, sia al buio sia alla luce. I topi cui sono state iniettate le nanoparticelle vedono in effetti questi raggi, come dimostrato dalle contrazioni delle loro pupille in risposta ad essi; i topi cui è stata iniettata solo una soluzione inerte non vedono invece gli infrarossi. L'effetto delle nanoparticelle dura fino a 10 settimane. Il prossimo passo sarà capire se un simile approccio possa essere replicato in sicurezza sull'uomo.

ALTRO SU MSN:

Malattie rare, che fare? (Rai Tv)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon