Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Saluto fascista, Consiglio regionale Lombardia salva Romano La Russa

(LaPresse) Il Consiglio regionale della Lombardia ha respinto la mozione di censura delle forze politiche di opposizione (Pd, M5S, +Europa, Azione e Lombardi civici europeisti) all'assessore alla Sicurezza, Romano La Russa, per chiedere al presidente della Regione, Attilio Fontana, di revocargli le deleghe. Il motivo del contendere è il saluto romano al funerale del cognato Alberto Stabilini, ex militante del Fronte della Gioventù, il 20 settembre scorso. Su 71 presenti, ci sono stati 24 voti favorevoli, 46 contrari e 1 astenuto (Monica Forte del gruppo Misto). «La partecipazione attiva di un assessore della giunta regionale a un rito simboleggiante la continuità spirituale e la vitalità in tutti gli spiriti dei motivi ideali del fascismo – si legge nella mozione – non è ammissibile e costituisce motivo di discredito per Regione Lombardia, istituzione della Repubblica, la quale è antifascista». Nel corso del dibattito al Pirellone e al termine del voto, i consiglieri del M5S hanno esposto alcuni cartelli gialli con le scritte nere «Nessuna nostalgia in Regione Lombardia», «Vergogna» e «Via l'assessore La Russa da Regione Lombardia», che sono stati rimossi dagli addetti d'aula.

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

Altro da Il Mattino

Altro da Il Mattino

image beaconimage beaconimage beacon