Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Quali sono gli alimenti ricchi di vitamina A?

Logo Marie Claire Marie Claire 19/05/2022 Di Redazione Digital

Ottima in caso di disturbi visivi, la vitamina A, o retinolo, favorisce la crescita delle ossa, rafforza il sistema immunitario, protegge e mantiene sana la pelle.

Quali sono gli alimenti che contengono vitamina A?

In quali alimenti si trova la vitamina A? È presente nell'olio di fegato di merluzzo, nel fegato, nel tuorlo d'uovo, nel burro e in molti ortaggi come carote crude, spinaci, cavolo, broccoli, verze, aglio, prezzemolo, zucca, spinaci freschi, cicoria, pomodoro e lattuga. Tra la frutta: le arance, l'anguria, il melone, le albicocche, le pesche e in genere in tutti i vegetali di colore giallo-arancione ricchi di carotenoidi.

Orange, Food, Fruit, Still life photography, Plant, Vegetarian food, Orange, Ingredient, Produce, Comfort food, © Getty Images Orange, Food, Fruit, Still life photography, Plant, Vegetarian food, Orange, Ingredient, Produce, Comfort food,

Come si manifesta la carenza di vitamina A


Galleria: Macchie dell'età, tutti i rimedi naturali (sanihelp.it)

Una sua carenza, rara poiché sono necessari molte settimane di alimentazione carente prima che compaiano i sintomi da deficit, si manifesta con un abbassamento della vista, mucose della bocca e del naso spesso secche e pelle screpolata. In caso di carenza, oltre ad assumere i cibi sopra indicati, si consigliano capsule di olio di fegato di merluzzo.

Green, Melon, Food, Citrullus, Peach, Fruit, Produce, Natural foods, Sweetness, Accessory fruit, © Getty Images Green, Melon, Food, Citrullus, Peach, Fruit, Produce, Natural foods, Sweetness, Accessory fruit,

Vitamina A in gravidanza

Secondo uno studio condotto da un team di scienziati dell’University of British Columbia pubblicato su Acta Neuropathologica se il feto o il neonato, durante la gravidanza, non ricevono abbastanza vitamina A potrebbero subire le conseguenze della “programmazione” dei tessuti cerebrali, che predispongono allo sviluppo più in là degli anni dell’Alzheimer, la malattia “ladra di memoria”.

Credito foto: Getty Images

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Marie Claire

image beaconimage beaconimage beacon