Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ulcera corneale

23/05/2014 April Kahn
Healthline Image © Ulcera corneale Healthline Image

Panoramica

La parte anteriore dell'occhio è coperta da uno strato di tessuto trasparente, la cornea. Si tratta di una sorta di finestra dell'occhio, che consente l'ingresso della luce, e la cui difesa naturale è rappresentata dalle lacrime, che la proteggono contro batteri, virus o funghi.

L'ulcera è una lesione aperta provocata da un'infezione che a sua volta può essere dovuta a traumi anche minimi all'occhio, oppure dall'erosione causata dall'uso prolungato delle lenti a contatto, anche quando si dorme.

Cause

La causa principale di questo disturbo è un'infezione. Le infezioni più comunemente responsabili delle ulcere corneali sono:

Cheratite da acanthamoeba

Riscontrata per lo più nei portatori di lenti a contatto.

Cheratite da herpes simplex

Si tratta di un'infezione virale che causa episodi ripetuti, con lesioni o ulcere nell'occhio. Gli episodi ripetuti di herpes simplex possono essere innescati da diversi fattori, tra cui stress, esposizione alla luce solare o elementi che indeboliscono il sistema immunitario.

Cheratite fungina

L'infezione fungina si sviluppa dopo una lesione della cornea che ha comportato il contatto con una pianta o materiale vegetale oppure nelle persone con sistema immunitario indebolito.

Altre cause

L'ulcera corneale può insorgere anche per:

  • secchezza oculare;
  • traumi o lesioni all'occhio;
  • disturbi infiammatori;
  • uso di lenti a contatto non sterilizzate;
  • carenza di vitamina A.

Indossare lenti a contatto scadute o lenti monouso per un periodo prolungato (anche di notte) aumenta il rischio di sviluppare questo tipo di danno.

Sintomi

Prima di riconoscere l'ulcera corneale, il soggetto potrebbe osservare altri segni di infezione, con sintomi come:

  • prurito all'occhio;
  • lacrimazione;
  • secrezione di pus o altro materiale dall'occhio;
  • sensazione di bruciore o pizzicore all'occhio;
  • occhi rossi o arrossati;
  • sensibilità alla luce.

I sintomi specifici dell'ulcera corneale comprendono:

  • infiammazione all'occhio;
  • indolenzimento dell'occhio;
  • lacrimazione eccessiva;
  • vista offuscata;
  • macchie bianche sulla cornea;
  • palpebre gonfie;
  • secrezione di pus o altro materiale dall'occhio;
  • sensibilità alla luce;
  • sensazione di corpo estraneo nell'occhio.

Tutti i sintomi dell'ulcera corneale sono da considerarsi gravi e devono essere trattati immediatamente per evitare che sfocino in cecità. All'osservazione visiva, l'ulcera apparirà come un'area o un punto grigio o bianco sulla cornea, che di solito appare trasparente. Alcune ulcere sono troppo piccole per poter essere viste senza ingrandimento, anche se i sintomi ne fanno sospettare la presenza.

Diagnosi

La diagnosi avverrà durante la visita oculistica da parte dello specialista.

Colorazione corneale con fluoresceina

Il test di colorazione corneale con fluoresceina consiste nell'applicare una goccia di colorante arancio su un pezzo di carta da filtro, con la quale si tocca leggermente la superficie dell'occhio per trasferire il colorante nell'occhio. Il medico quindi illumina l'occhio con una apposita lampada a fessura di colore blu, ricercando le aree ulcerose, che appariranno verdi se osservate al microscopio.

Prelievo di materiale dall'ulcera

Se il medico individua un'ulcera sulla cornea, potrebbe decidere di procedere con ulteriori indagini per accertarne la causa. Per fare ciò, una metodica consiste nell'anestetizzare l'occhio con un collirio, quindi grattare delicatamente l'ulcera per prelevare dei campioni di tessuto. L'analisi del campione consentirà di scoprire la presenza di eventuali batteri, funghi o virus.

Trattamento

Una volta individuata la causa, il medico prescrive un farmaco antibatterico, antifungino o antivirale per trattare il problema alla base dell'ulcera. Nelle forme più gravi, l'oculista potrebbe decidere di avviare una terapia antibiotica con collirio locale, mentre determina la causa dell'infezione mediante analisi di materiale prelevato dall'ulcera. Inoltre potrebbe consigliare un trattamento con corticosteroidi in collirio, soprattutto quando l'occhio è infiammato o gonfio.

Durante la terapia, sarà necessario evitare quanto segue:

  • indossare lenti a contatto;
  • usare prodotti per il trucco;
  • assumere altri farmaci;
  • toccare l'occhio se non necessario.

Trapianto di cornea

Nei casi più gravi, l'ulcera corneale è risolvibile solo mediante trapianto. Si tratta di una procedura che consiste nella rimozione chirurgica del tessuto corneale e nella sua sostituzione con tessuto da donatore. Secondo la Mayo Clinic, il trapianto di cornea è una procedura piuttosto sicura, anche se, come ogni intervento, comporta dei rischi, che nello specifico possono essere:

  • rigetto del tessuto del donatore da parte dell'organismo;
  • sviluppo di glaucoma (pressione eccessiva nel bulbo oculare);
  • infezione dell'occhio;
  • cataratta (annebbiamento del cristallino);
  • gonfiore della cornea.

Prevenzione

La prevenzione migliore consiste nel rivolgersi a un medico non appena si osservano i sintomi di un'infezione oculare o si subisce una lesione all'occhio.

Altre utili misure preventive comprendono:

  • evitare di portare le lenti a contatto mentre si dorme;
  • pulire e sterilizzare le lenti prima e dopo l'uso;
  • sciacquare gli occhi per rimuovere eventuali corpi estranei;
  • lavarsi le mani prima di toccare gli occhi.

A lungo termine

Nella maggior parte dei casi le ulcere corneali rispondono bene al trattamento e il recupero è ottimo; tuttavia, può verificarsi una riduzione della capacità visiva. In alcuni soggetti la perdita della capacità visiva è più grave, poiché la vista risulta ostruita dalle cicatrici sulla retina.

Le ulcere corneali possono anche causare delle cicatrici permanenti

e, in rari casi, un danno che interessa tutto l'occhio.

Scegli tu!
Scegli tu!
image beaconimage beaconimage beacon