Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

L'audio in cui l'inviato di Salvini a Mosca tratta un finanziamento: "La nuova Europa vicina alla Russia"

"Questo audio fornisce la prima prova concreta dei tentativi clandestini russi di finanziare i movimenti nazionalisti europei e dell'apparente complicità di alcune figure di alto livello dell'estrema destra in quei tentativi". Così Alberto Nardelli, giornalista di BuzzFeed, presenta la registrazione audio di un incontro che si è svolto il 18 ottobre scorso a Mosca fra tre persone di nazionalità russa e altre tre, tra cui Gianluca Savoini, ex portavoce di Salvini, presidente dell'associazione indipendente Lombardia-Russia e sherpa del ministro dell'Interno al Cremlino. Scopo del meeting - secondo il sito di informazione statunitense - trovare il modo di far arrivare alla Lega decine di milioni di dollari. Nell'audio integrale si sentono parlare i sei uomini in inglese, russo e italiano. In questo frammento della registrazione a parlare è Gianluca Savoini che dice: "Vogliamo cambiare l'Europa. La nuova Europa deve essere vicina alla Russia". La traduzione della conversazione."Il prossimo maggio ci saranno le elezioni europee. Vogliamo cambiare l’Europa. Una nuova Europa deve essere vicina alla Russia, come in passato, perché noi vogliamo avere la nostra sovranità. Noi vogliamo davvero decidere del nostro futuro, per i nostri ragazzi, i nostri figli. Non (vogliamo) dipendere dalle decisioni degli "illuminati" di Bruxelles, degli Stati Uniti. Vogliamo decidere. Salvini è il primo a voler cambiare l’Europa. Insieme ai nostri alleati e colleghi e agli altri partiti (presenti) in Europa. Il Partito della Libertà austriaco, l’Alternativa per la Germania tedesca, Madame Le Pen in Francia, così come altri Paesi, l'Ungheria di Orbán, gli svedesi di Sverigedemokraterna. Abbiamo i nostri alleati. Noi veramente vogliamo iniziare a costruire una grande alleanza con questi partiti pro Russia, ma non pro Russia per (favorire) la Russia, ma per i nostri Paesi. Perché stiamo bene con la Russia, avere buone relazioni fa bene ai nostri Paesi. Questo è solo l’inizio dal punto di vista politico". Nella conversazione trascritta da BuzzFeed Savoini aggiunge: "Ora vorrei si andasse avanti con i nostri 'partner tecnici', che possono continuare la discussione". Video: BuzzFeed

Altro da HuffPost

Altro da HuffPost

image beaconimage beaconimage beacon