Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Genova, le pietre d'inciampo davanti alla Sinagoga

Una prima cerimonia in Salita S. Francesco, a ricordo dei coniugi Emanuele Cavaglione e Margherita Segre e poi la seconda in Via Giovanni Bertora, a fianco alla Sinagoga,in memoria della famiglia del custode del tempio israelitico, Albino Polacco, la moglie Linda e i figli Carlo e Roberto. Sono queste le sei nuove 'Pietre di Inciampo' che la comunita' ebraica di Genova ha posizionato nel capoluogo ligure con una cerimonia che si e' conclusa davanti alla sinagoga. 'Le due pietre di Salita San Francesco - ricorda Ariel Dello Strologo, presidente della Comunita' ebraica di Genova - sono state messe dove vivevano i coniugi Cavaglione, che erano stati catturati e mandati a morire nel campo di concentramento perche' traditi da italiani, che dopo la guerra sono stati processati e condannati. Le altre quattro, invece, ricordano la famiglia Polacco che ha avuto la sventura di essere catturata il giorno della retata, il 3 novembre 1943'. Alla cerimonia, che si e' conclusa con una preghiera del rabbino capo, Giuseppe Momigliano, hanno partecipato il Console Generale tedesco, Ingrid Jung, il Sindaco di Genova, Marco Bucci e alcuni studenti della scuola De Scalzo Polacco di Genova. (videoservizio di Fabrizio Cerignale) Scarica i file

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

Altro da RepubblicaTV

Altro da RepubblicaTV

image beaconimage beaconimage beacon